La primavera è tempo di grandi pulizie, ma non pensiamo solo a quelle di casa, è importante anche fare una buona “pulizia” dell’organismo e la natura, con la sua grande generosità, ci dà tutti gli strumenti necessari.

  A marzo, arrivano gli Agretti!

 Deliziosamente aspri come indica il nome, racchiudono in loro tutti gli elementi necessari per un’efficace pulizia e depurazione primaverile.

Al 92% composti da acqua, e quindi diuretici, sono anche ricchi di fibre, favorendo una pulizia intestinale e hanno un lieve effetto lassativo. Ricchi di vitamine A, C e complesso di vitamine B, ci proteggono dagli ultimi freddi e ci danno l’energia necessaria per uscire dal “letargo” invernale. Inoltre gli agretti, abbondano di sali minerali come calcio, potassio, magnesio e ferro. E come se non bastasse, gli agretti sono dei grandi depuratori grazie all’alto contenuto di clorofilla. Il tutto con solo 17 calorie per 100 grammi. Insomma, cosa aspettate?

SPAGHETTI AGLI AGRETTI

Dose per 4 persone

image1

1 mazzo di agretti puliti

2 carote biologiche

2 cipollotti freschi

70 gr di pinoli

Mettere la pentola di acqua a bollire per la pasta e salarla quando bolle. Sbollentare gli agretti per 3 minuti nell’acqua della pasta e tirarli fuori senza scolare l’acqua che ci servirà per cuocere la pasta. Passarli sotto l’acqua fredda per fermare la cottura.

Affettare finemente i cipollotti e cuocerli a fiamma bassa in una padella con un cucchiaio di olio.

Frullare metà degli agretti con metà dei cipollotti con 3 o 4 cucchiai di acqua di cottura e mettere la crema ottenuta nella padella con il resto dei cipollotti e degli agretti. Otterrete una bella salsa cremosa.

Tostate i pinoli.

pinoli

 Mentre fate cuocere la pasta, affettate le carote con un pelapatate per ottenere delle fette sottilissime. 1 minuto prima di scolare la pasta, aggiungete le fette di carote all’acqua della pasta. Scolate la pasta e fatela saltare 1 minuto nella padella con il condimento.

Aggiungete i pinoli all’ultimo.

Nota: Le carote aggiungeranno la giusta dolcezza all’aspro dell’agretto ed i pinoli un elemento di terra e  croccantezza che bilanceranno perfettamente i sapori.

Ricetta originale di Catherine de Zagon